Anche se circa due quinti di tutti i medici (42%) in un recente sondaggio di Medscape ha dichiarato di credere che l’antigene specifico della prostata o PSA è abusato, la stragrande maggioranza (90%) continuano a raccomandarlo per i loro pazienti di sesso maschile.

I risultati del sondaggio contrastano le indicazioni dell’US Preventive Services Task Force 2012 che si è schierato contro lo screening del tumore alla prostata tramite dosaggio del PSA.

Il sondaggio effettuato da Medscape ha mostrato che, nonostante le polemiche, i medici sono ancora a favore del dosaggio del PSA per i loro pazienti di sesso maschile. Quando è stato chiesto quanto spesso raccomandano tale test, quasi un quarto (26%) dei 680 intervistati dal sondaggio ha risposto “sempre”, mentre il 61% ha risposto “spesso” o “qualche volta”. Solo una piccola percentuale di medici ha risposto “raramente” o “mai”.

Il dottor Jan Sheringham, specialista di medicina di famiglia, nei commenti sul sondaggio ha dichiarato: “Credo che possiamo effettivamente causare un danno non facendo questo test in modo adeguato nei nostri pazienti di sesso maschile, soprattutto in determinate fasce d’età”.

Internisti e specialisti di pratica della famiglia che hanno preso il sondaggio sembravano un po’ meno entusiasti degli urologi sul PSA, ma ancora abbracciano tale diagnostica. Al contrario, il 14% degli urologi hanno dichiarato che i benefici di effettuare tale test “sempre” sono superiori ai rischi, rispetto al 9% degli internisti e all’11% dei medici di famiglia.

In conclusione, lo screening del tumore alla prostata non rappresenta un problema, ma è quello che si fa con le informazioni che è il vero problema.

Giorgio Ivan Russo

Giorgio Ivan Russo

Il Dott. Giorgio Ivan Russo (Catania, 26/01/1987) è Urologo in formazione dal 5 luglio 2012 presso l’Università di Catania con il Prof..
Giorgio Ivan Russo