Sono stati appena presentati al Congresso Europeo di Urologia (EAU London 2017) i primi risultati degli studi riguardanti l’utilizzo di Fortacin nella terapia dell’eiaculazione precoce.

Fortacin è uno spray monodose a base di lidocaina e prilocaina, da acquistare solo dopo prescrizione medica per il trattamento della eiaculazione precoce. La novità del farmaco sta non solo nella sua dimostrata efficacia, con un aumento della latenza eiaculatoria anche di 3,8 minuti ma soprattutto nell’assenza di effetti collaterali sulla partner. Uno dei più fastidiosi effetti dell’utilizzo di creme a base di lidocaina risiede propio nella necessità di utilizzo di preservativo per evitare la sensazione di bruciore ed anestesia da parte della partner. è stato inoltre dimostrato che l’utilizzo di Fortacin rende l’uomo più confidente con il proprio corpo, riacquistando un controllo che alla sospensione del farmaco, porta ad un sensibile miglioramento del tempo eiaculatorio rispetto all’inizio della terapia. Minimi gli effetti anche sull’uomo con un incidenza della disfunzione erettile e dell’ipoestesia del pene inferiore al 4%. Comparato alle attuali terapie orali che a tutt’oggi hanno dimostrato scarsa efficacia con effetti collaterali puntuali e debilitanti, Fortacin promette di essere una alternativa valida ed efficace con bassi tassi di effetti indesiderati ed eventuale possibilità di associazione con altre terapie per la eiaculazione precoce.

Fortacin dovrà essere assunto come spray da applicare sul glande 5 minuti prima del rapporto sessuale. Con un massimo di 3 dosi nelle 24 ore ad una distanza minima di 4 ore l’una dall’altra.

Purtroppo non è nota la data del lancio italiano del farmaco che comunque sarà distribuito entro e non oltre il 2017. Promettiamo di dare informazioni in merito non appena ci saranno novità. Nel frattempo rivolgetevi al vostro urologo/andrologo di riferimento.
Andrea Cocci

Andrea Cocci

Medico in formazione specialistica in urologia e andrologia presso l’Università degli Studi di Firenze AOU Careggi, Honary Contract presso UCLH (Universitary College London Hospital), Clinical Fellow Southmead Hospital of Bristol. Board member di SIA (Società Italiana di Andrologia ) e SIU (Società Italiana di Urologia).
Andrea Cocci