La circoncisione può peggiorare la mia vita sessuale?

0
1340

A volte capita di sentire questa domanda dopo aver proposto un intervento di circoncisione; il paziente spaventato chiede al medico se questa procedura potrà in qualche modo peggiorare la sua vita sessuale ed in particolar modo la preoccupazione principale è l’eventuale perdita di sensibilità del grande, che perde la sua “protezione naturale”, cioè il prepuzio.

In realtà le cose non stanno proprio così, infatti se questa paura fosse fondata, quasi la metà della popolazione maschile modiale (che si è sottoposta a circoncisione per motivi: religiosi, tradizionali o per “moda” come succede sempre di più negli Stati Uniti) dovrebbe avere una vita sessuale più scadente rispetto ai non circoncisi, e questo dato non è mai emerso in nessun momento storico, in nessun luogo del mondo.

La circoncisione è un intervento praticato da migliaia di anni ed ha moltissimi benefici, tra i quali la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse (compresi HIV ed herpes genitale), abbassamento del tasso delle infezioni delle vie urinarie, delle balanopostiti (infiammazioni del glande) e del cancro del pene; anche le partner di uomini circoncisi hanno minor rischio di sviluppare infezioni da papilloma virus (principale causa di cancro della cervice), vaginiti batteriche ed infezioni sessualmente trasmesse.

Un recente studio proposto dai ricercatori del Dipartimento di Urologia dell’Università di Sidney  e pubblicato sulla prestigiosa rivista Journal of Sexual Medicine, ha analizzato 2675 articoli scientifici che trattavano la correlazione tra circoncisione & disfunzione sessuale cercando risultati che fossero statisticamente significativi tra i vari possibili disturbi e l’intervento di circoncisione.

Le conclusioni di questo studio rivelano che non vi è nessuna differenza tra circoncisi e non circoncisi in nessun aspetto della vita sessuale né per quanto riguarda la sensibilità, né l’erezione, né i tempi eiaculatori.

Inoltre studiando in particolare la sensibilità peniena,  valutandone i tessuti cutanei con particolari microscopi, è stato possibile riscontrare che il prepuzio ha delle strutture al suo interno (detti corpuscoli di Meissner) che permettono di percepire solo gli stimoli tattili, mentre i recettori del “piacere sessuale” (detti corpuscoli genitali) sono presenti sul corpo del pene, che non viene interessato in alcun modo dall’intervento di circoncisione.

La circoncisione è un intervento semplice ed efficace, e spesso è l’unica soluzione per condizioni cliniche patologiche come: balaniti, balanopostiti, xerotica obliterans che possono causare disfunzione sessuale e spesso sono la causa dei problemi che il paziente percepisce solo dopo l’intervento, in quanto prima aveva probabilmente sospeso, anche solo temporaneamente, ogni attività sessuale.

In caso fosse necessario un intervento di circoncisione non temerne gli “effetti collaterali”, spesso si tratta di chiacchiere da bar e nulla è mai stato dimostrato scientificamente!

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento! Grazie
Il tuo nome