Nuove terapie per l’ipertrofia prostatica benigna

0
141

La terapia con vapore acqueo Rezum, grazie alla proprietà convettiva dell’acqua, supera i limiti delle termoterapie appena menzionate. Essa consiste in una semplice procedura endoscopica. Attraverso una sonda trans-uretrale si raggiungono i lobi prostatici all’interno dei quali, per mezzo di un sottile ago, viene introdotto il vapore acqueo. L’energia termica si diffonde nell’interstizio del tessuto prostatico per convezione determinando la rottura delle membrane cellulari. Nell’arco di qualche settimana l’effetto termico produce una drastica riduzione del volume prostatico, con conseguente effetto disostruttivo e di risoluzione dei sintomi. Non potendosi diffondere esternamente alla capsula prostatica, il vapore acqueo produce il suo effetto termico esclusivamente nell’organo bersaglio senza danneggiare i tessuti circostanti.

 

Presentiamo il primo tutorial didattico per il trattamento automatizzato robotico dell’ipertrofia prostatica benigna (IPB) tramite il rivoluzionario sistema Aquabeam – sistema di resezione endoscopica mini-invasiva dell’adenoma prostatico tramite getto d’acqua (waterject) senza uso di energia termina e tempo operatorio inferiore ai 5 minuti. Il nuovo sistema si aggiunge alla terapia laser nel trattamento non invasivo di una delle più comuni patologie maschili

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento! Grazie
Il tuo nome