Autore: Andrea Guttilla

Il tumore dell’alta via escretrice: la nefroureterectomia rappresenta l’unica terapia?

Ancora oggi il trattamento “gold standard” per il trattamento del carcinoma transizionale dell’alta via escretrice è rappresentato dalla nefrouretererectomia, ovvero dall’asportazione radicale del rene, dell’uretere e di parte di vescica a livello dello sbocco dell’uretere. Tale intervento, particolarmente demolitivo, non è stato dimostrato essere superiore a trattamenti più conservativi soprattutto per certi tipi di tumori così detti a basso rischio [piccoli (<1 cm), di basso grado, con citologie di basso grado, con biopsie che documentano un’istologia di basso grado ed un’Uro-TC negativa per invasione locale]. È per questo che, oggi, le nostre linee guide prevedono la possibilità per questa...

Leggi Tutto

Sessualità e rischio di cancro della prostata

La correlazione tra attività sessuale e rischio di tumore della prostata è stata sempre una questione molto discusso. Molto è stato scritto e, ad oggi, dati certi non ce ne sono. Quello che sembra certo è che, essendo la prostata un organo coinvolto nella produzione del liquido seminale, la sua aumentata attività nel contesto di una regolare attività sessuale sembra ridurre al concentrazione di potenziali cancerogeni all’interno della ghiandola stessa. Ecco, perché, molti dei lavori usciti in questi anni hanno dimostrato come un’aumenta frequenza di eiaculazioni sia correlato ad un minore rischio di cancro della prostata. Dati certi invece...

Leggi Tutto

La chirurgia per il tumore della prostata: quale tecnica?

Da ormai 10 anni, con l’avvento della chirurgia laparoscopica robot-assistita e la diffusione delle piattaforme robotiche Da Vinci®, la letteratura scientifica in ambito urologico ha molto discusso su quale fosse la migliore tecnica chirurgica a cui sottoporre un Paziente affetto da carcinoma della prostata. Poche settimane fa, sul Journal of Urology, in un editoriale dall’emblematico titolo “Robotic versus Open Prostatectomy: End of the Controversy”, il dott. Koch ha cercato di mettere fine ad un lotta decennale su quale tecnica sia la migliore per il trattamento chirurgico del tumore della prostata. Analizzando i dati di due recenti studi il dott....

Leggi Tutto